SEOrock, considerazioni finali

Non è il cartoncino giallo che attesta il valore di un SEO, ma l’esperienza acquisita sul campo. Però è comunque bello esternare anche visivamente una specie di “io c’ero”. La 3 giorni del SEOrock è stata tirata dura, nel senso che la carne al fuoco era molta: ormai (quasi tutti) si sono accorti che le attività SEO non sono la panacea per tutti i mali ma sempre più chi si occupa di Search Engine Marketing deve saper sconfinare in altre discipline come marketing management puro e la psicologia.
E’ stato stimolante confrontarsi con molti di quelli che forse sono i massimi esperti SEO del panorama italiano. Sicuramente un’esperienza da ripetere.

One thought on “SEOrock, considerazioni finali

  1. Bene Emanuel, sono contento che l’evento ti sia piaciuto 🙂
    In bocca al lupo per le tue prossime attività e buon divertimento. Io me ne torno alla mia cucina, dove comunque un po’ il marketing entra ugualmente, tra padelle e piatti (molti non sanno che la presentazione dei cibi ha finalità tipiche del marketing).

Rispondi