Ubercart 3 (in attesa di poter passare a Drupal Commerce)

uberchartHo fatto l’upgrade di un’installazione da Drupal 6 a Drupal 7.
Nella fattispecie un ecommerce, quindi mi son dovuto occupare pure dell’upgrade di Ubercart da 2 a 3.
L’operazione non è stata agilissima principalmente perchè per Ubercart 3 mancano molti add on essenziali.
Questo  perchè se Ubercart è stato la colonna portante dei progetti ecommerce in Drupal 6, Ubercart per Drupal 7 è ora un po’ relegato al ruolo di cenerentola, in favore dell’emergente Drupal Commerce.
Avrei voluto poter passare a Drupal Commerce, ma di fatto questo avrebbe implicato oltre allo sviluppo del nuovo sito, pure lo studio e il test del data migration, con l’implicazione che il negozio non si poteva fermare per nessun motivo nemmeno un secondo, perchè questo avrebbe comportato delle consistenti perdite economiche.
Uno degli aspetti che mi ha fatto smadonnare di più? La necessità di dover chiedere obbligatoriamente il codice fiscale e/o partita iva agli utenti che effettuano acquisto: per Drupal 6 c’era un modulo che funzionava egregiamente mentre per Drupal 7 non ho trovato nulla. Come ho risolto? Modificando uc_vat_number in modo che oltre alla partita iva chiedesse anche il codice fiscale ai privati, e che si interfacciasse pure con i dati che aveva collezionato il vecchio modulo.

Alcune caratteristiche del progetto:

  • Boost -> per gestire il caching dei contenuti statici e velocizzare i tempi di caricamento del sito
  • Easyrec -> il cross selling è basato su una piattaforma esterna per poter elaborare i dati aggregandoli con i dati che provengono anche da un altro sito
  • Spambot -> per protegge il sito dallo spam, questo modulo mi ha permesso di fare pulizia anche tra gli utenti iscritti spammer iscritti prima dell’installazione del modulo
  • Openlayers + Proximity Search -> per offrire agli utenti un plus, lo store locator ovvero la possibilità di cercare dei punti vendita fisici dove trovare assistenza per i prodotti acquistati
  • Omega + Context -> per il restiling grafico, con un occhio al responsive design e mobile first, utilizzando Flex Slider per i caroselli di immagini compatibili con i dispositivi mobili

Rispondi